Attualità Concetti Creatività Murgia Strategie Territori

MURGIA MIX UP

Nell’ultima parte del mese di aprile, il territorio della Murgia è stato il protagonista “inconsapevole” di un’offerta artistica/turistica/culturale senza precedenti: oltre alla nota e celebre Capitale Europea della Cultura, a Gravina in Puglia è stata presentata la 725° edizione della Fiera Regionale di San Giorgio, mentre ad Altamura è andata in scena l’ottava edizione di Federicus, la festa medioevale che ogni anno attira sempre più visitatori. La contemporaneità di questi eventi ha spesso suscitato molti dubbi, polemiche e critiche tra gli addetti ai lavori e non, in quanto i protagonisti e gli organizzatori di questi appuntamenti (istituzioni incluse) si sono visti più come competitor che come partner. Tuttavia, tutto dipende da come viene considerato il mercato turistico di riferimento: quanto più vasto è il mercato a cui ci si rivolge, tanto meno questa bagarre è giustificata, anzi! In una prospettiva di offerta turistica europea e internazionale il mix up di appuntamenti di un territorio, come quelli organizzati, diventa una grossa opportunità, un forte attrattore, spendibile anche presso i tour operator.

Questo insieme di appuntamenti, unito alle bellezze e alle specialità di questi luoghi, a mio avviso pongono la Murgia tutta, per la prima volta, su un piano turistico di prim’ordine: nessuna altra zona del mondo può vantare luoghi antichi e ricchi di storia come la Gravina, i Sassi di Matera ed i Claustri di Altamura, solo per citarne alcuni, soprattutto se questi diventano anche il palcoscenico per la realizzazione, rispettivamente di una delle Fiere più antiche d’Europa, eventi culturali e feste medievali. Inoltre, la ricchezza e la qualità dei prodotti enogastronomici di questo territorio, qualora esistesse anche il titolo di Capitale Europea dell’Enogastonomia, porterebbe sicuramente queste città sul primo gradino del podio. Le date di fine aprile quindi, potrebbero essere considerate come delle “giornate federiciane” da trascorrere sulla Murgia, tra le città di Matera, Gravina in Puglia, Altamura e non solo. La sinergia e il sistema turistico così inteso porterebbe dei benefit economici notevoli, unendo gli sforzi (soprattutto promozionali) e massimizzando i risultati (in termini di visitatori), soprattutto in ottica di “oltre Matera 2019”.

Per realizzare tutto ciò bisognerà ragionare in un’ottica appunto di partnership, coordinamento e di offerta turistica europea/internazionale in primis. Occorrerà quindi allacciare e stringere rapporti con i tour operator e presentarsi in sinergia sui palcoscenici internazionali di settore. Gli aspetti, inoltre, di primo piano, che faranno la vera differenza saranno anche: mantenere e alzare la qualità dell’offerta, creare professionalità e puntare sulle competenze. Solo così si porterà vera ricchezza  in questi territori.

Mini Tour da Altamura a Gravina in Puglia cosa visitare e cosa degustare

 

1 Commento

  • Giovanni Mercadante

    Sono d’accordo con il contenuto dell articolo. Bisogna fare squadra con tutti i Comuni dell Alta Murgia ognuno con i propri attrattori culturali. Il ns territorio può diventare una piattaforma turistica di grande prestigio

    Rispondi

Lascia un commento